www.basc.it


Carta delle Collezioni



Visualizza l'argomento nella pagina:


PRESENTAZIONE

La carta delle collezioni è il documento che guida la biblioteca nella formazione, nella gestione e nello sviluppo delle proprie raccolte di materiali.

In particolare, in sintonia con la missione della biblioteca, fissa i criteri di scelta dei libri e degli altri documenti, individua eventuali lacune da colmare e settori da incrementare; segnala gli strumenti utilizzati per effettuare la scelta, stabilisce i cosiddetti "livelli di copertura" delle singole materie (classi) e delle sezioni speciali (raccolta locale, poesia, archivio scrittori castelli romani, periodici).

I livelli di copertura indicano, mediante valori numerici da 1 a 5, il livello di rappresentatività delle acquisizioni rispetto all'intera produzione editoriale nazionale.

Poiché naturalmente non tutto di quello che viene pubblicato di una determinata materia potrà essere acquisito, dovrà pertanto essere stabilito a monte quale grado di approfondimento si vorrà riservare a ciascuna disciplina.

OBIETTIVI

La carta delle collezioni del BASC si propone di:

- rendere trasparenti e motivate le scelte di acquisizione effettuate dalla biblioteca o le eventuali esclusioni;
- garantire la continuità delle scelte culturali e bibliografiche della biblioteca;
- ridurre al minimo le tendenze soggettive dello staff addetto alla scelta dei documenti da acquisire, privilegiando parametri bibliografici omogenei e scelte culturali per quanto possibile oggettive e fondate sui bisogni espressi dalla comunità;
- porre a disposizione del personale uno strumento di orientamento e di formazione in servizio;
- fornire sicuri parametri di riferimento per le attività di valutazione e di autovalutazione della coerenza e della qualità delle raccolte;
- offrire informazioni utili alla definizione e alla ripartizione del budget delle acquisizioni;

MISSIONE

La biblioteca comunale di Frascati si propone di offrire una informazione di base su tutti gli ambiti disciplinari, mediante manuali ed opere di carattere generale nonché mediante i testi principali degli autori considerati classici per ciascuna materia.

Oltre a questo livello di base la biblioteca, in conformità alle caratteristiche culturali del territorio, si propone di documentare con particolare attenzione i seguenti ambiti:

- la storia e la cultura locali (sezione locale)
- la storia letteraria territoriale (archivio scrittori castelli romani)
- la poesia italiana (Fondo premio poesia e sezione specializzata poesia)

LA COMUNITA' TUSCOLANA

La conoscenza della comunità di riferimento è di fondamentale importanza poiché la biblioteca orienta lo sviluppo delle sue raccolte bibliografiche proprio sulla base delle esigenze, espresse ed inespresse, del suo bacino di utenza.

La comunità frascatana si caratterizza fondamentalmente, per tradizione storica e per tendenze consolidate, come espressione di un paese, un tempo legato alla coltivazione dei vigneti ma più recentemente dedito principalmente ad attività commerciali e intellettuali.

Ad iniziare dai tempi remoti dell'età classica, il territorio tuscolano ha sempre mantenuto una sorta di filo rosso costituito dall'interesse per la letteratura e per il teatro, che ha permesso il consolidamento di un humus culturale rimasto certamente non infruttuoso. Tant'è vero che, solo per parlare dei tempi più recenti, in campo teatrale si è distinta una figura di attore del calibro di Tino Buazzelli; mentre nel campo della letteratura e della poesia in particolare, è emerso un poeta di grande spessore come Lamberto Santilli, insieme a molti altri, anche dialettali.

Un altro tassello importante è rappresentato dagli importanti laboratori di ricerca scientifica presenti sul territorio che contribuiscono senz'altro ad arricchire la fisionomia identitaria della comunità locale.

GESTIONE E SVILUPPO DELLE RACCOLTE

CARATTERI GENERALI

La biblioteca di Frascati fa parte del Consorzio Sistema Bibliotecario Castelli Romani, che comprende attualmente n. 20 biblioteche comunali. In tale contesto la gestione delle raccolte viene effettuata a livello sistemico in modo tale che, ad una dotazione di base tendenzialmente comune, viene affiancata una selezione bibliografica che privilegia, per ciascuna biblioteca, una determinata area tematica.

Questa modalità operativa risulta molto efficace, sia dal punto di vista dell'ampiezza dell'offerta documentaria che può essere messa a disposizione dell'utenza, che dal punto di vista della gestione economica.

ARTICOLAZIONE DELLE RACCOLTE

Le raccolte della biblioteca coprono tutte le 10 classi Dewey e si articolano secondo uno schema che prevede, alla base manuali e repertori generali, a cui si affiancano i principali testi classici di ciascuna disciplina.

Sopra fondamenta così costruite, la biblioteca di Frascati, nell'ambito della più grande biblioteca formata dalle raccolte di tutte le biblioteche aderenti al consorzio S.B.C.R., cura con particolare riguardo la sezione poesia (essendo questa la sua specializzazione) e la sezione locale, naturalmente senza trascurare affatto l'aggiornamento in tutte le materie.

L'incremento delle raccolte tiene conto anche dell'interesse che scaturisce dalle numerose iniziative che la stessa biblioteca organizza e che senz'altro contribuiscono ad allargare gli orizzonti culturali dell'utenza nonché ad accrescerne la capacità informativa.

CRITERI DI SELEZIONE

I criteri di selezione che vengono adottati per la acquisizione del materiale documentario sono i seguenti:

- coerenza con le raccolte già presenti in biblioteca
- verifica del grado di disponibilità e accessibilità dei documenti nelle altre biblioteche del Consorzio
- bisogni espressi dagli utenti
- valore dell'opera come documento dei tempi
- valore permanente, durata nel tempo dell'opera
- connessione, legame significativo e diretto con la realtà e la cultura locale
- accuratezza e affidabilità
- autorità riconosciuta dell'editore, dell'autore, del curatore, dell'illustratore ecc. nei rispettivi ambiti professionali
- inclusione in fonti bibliografiche e letterarie autorevoli.

LIVELLO DI COPERTURA

In considerazione dei livelli quantitativi e della varietà anche fisica, sempre crescenti, della produzione di materiale documentario destinati all'informazione, allo studio, alla ricerca, all'intrattenimento, la biblioteca tende a fissare, a titolo fortemente orientativo e indicativo, dei livelli di copertura da applicare alle sue raccolte.

I livelli di copertura adottati in biblioteca indicano in sintesi, mediante valori numerici da 1 a 5, il rapporto tra le acquisizioni della biblioteca e l'universo della produzione editoriale nazionale (salvo eccezioni di volta in volta segnalate), in relazione con il livello di utilizzabilità da parte degli utenti, con le finalità della biblioteca, le esigenze informative e culturali del pubblico e della comunità.

I livelli risultanti sono i seguenti:

- Livello minimo (1): una selezione minima di opere di base e dei principali materiali relativi all'area o al settore interessato, di facile "lettura", destinata al grande pubblico, al pubblico generale.
- Livello di base (2): una selezione essenziale di materiali aggiornati, inclusi dizionari, enciclopedie, opere di buona divulgazione, basi di dati bibliografiche, rassegne storiche, bibliografie, manuali, periodici, destinata a un pubblico di lettori curiosi, adatta a introdurre e definire una materia e ad indirizzare verso informazioni reperibili altrove.
- Livello di supporto allo studio (3): una collezione di materiali destinata a sostenere studi corrispondenti all'istruzione superiore, a ricerche autonome, rivolta a un pubblico professionale o a lettori già in possesso delle conoscenze di base. Essa include un nucleo molto rappresentativo di documenti di base, raccolte complete delle opere degli autori "maggiori", una selezione di opere degli autori "minori", una scelta di periodici importanti, basi di dati bibliografiche e non bibliografiche, opere di consultazione e bibliografie del settore interessato.
- Livello di ricerca (4): una selezione molto ampia di documenti e fonti necessari alla ricerca, anche in lingua straniera, destinata a un pubblico esperto di studiosi e ricercatori, che include oltre alla opere di consultazione, una scelta di materiali specializzati, rapporti e resoconti di attività di ricerca, atti di convegni, una selezione di periodici ed eventuali strumenti di indicizzazione e abstracting del settore interessato.
- Livello estensivo (5): una collezione comprendente materiali significativi nei diversi formati, anche in lingua straniera, riguardanti un settore definito e limitato. La raccolta può rispondere a esigenze di informazione e documentazione di base, così come a necessità di studio.

TABELLE INDICATIVE DEI LIVELLI DI COPERTURA
utilizzati dal BASC per l'accessione dei documenti

Aree tematiche Livello di copertura
Informatica 2
Fenomeni paranormali 2
Psicologia 3
Religione 3
Politica 2
Economia 2
Diritto 3
Amministrazione pubblica 3
Servizi sociali 3
Educazione 3
Commercio, comunicazione e trasporti 3
Usi e costumi, folklore 3
Linguaggio 2
Lingue 3/4
Scienze naturali; Matematica; Astronomia; Fisica; Chimica 3
Scienze della terra; Scienze della vita; Botanica; Zoologia 3
Medicina 2
Agricoltura 2
Economia domestica e vita familiare 3
Management 2
Manifatture, arredamento, abbigliamento 3
Urbanistica 3
Architettura 3
Fumetto 2
Moda 3
Fotografia 3
Musica 3
Spettacolo (escluso cinema) 3
Cinema 3
Giochi 2
Sport; Caccia e pesca 2
Arte 3
Letterature 4
Geografia e viaggi 3
Storia 3

CONSERVAZIONE, REVISIONE, SCARTO

Le collezioni del BASC, vengono sottoposte a revisioni periodiche, allo scopo di mantenere una raccolta documentaria viva, aggiornata e coerente con la missione e le finalità della biblioteca.

La biblioteca adotta dunque procedure standard di valutazione delle collezioni, dal punto di vista dell'uso, della data di pubblicazione, della qualità, della natura e della rilevanza "storica" dei documenti, per stabilire in maniera omogenea e non casuale quali materiali entrano a far parte del patrimonio "storico" e permanente della biblioteca, quali vengono accantonati e conservati temporaneamente, e quali infine vengono definitivamente eliminati dalle collezioni.

Per selezionare i documenti destinati all'eliminazione, la biblioteca adotta una procedura di scarto, basata sulla formula professionale denominata SMUSI (S = Scorretto, informazione falsa, M = Mediocre, superficiale, ordinario, U = Usato, deteriorato, di sgradevole presenza, S = Superato, I = Inappropriato, incoerente con la raccolta).

DESIDERATA E DONI

Il BASC acquisisce i documenti anche attraverso le forme dei desiderata dei lettori e dei doni:

- i documenti richiesti dai lettori vengono acquistati quando il loro contenuto e il loro formato sono coerenti con la natura delle raccolte e le finalità della biblioteca;
- i desiderata non vengono esauditi quando il contenuto, il livello di trattazione, il formato e il costo del documento risultano estranei o in contrasto con la natura delle raccolte e le finalità della biblioteca;
- i doni di singoli documenti e le donazioni di raccolte e fondi interi vengono accettati e, in taluni casi incoraggiati e sollecitati, quando si valuta che la loro acquisizione sia coerente con la natura e le finalità della biblioteca, o arricchisca e integri collezioni già presenti o serva a colmare lacune riscontrate nelle collezioni della biblioteca;
- l'offerta di materiali già presenti nella biblioteca viene accolta solo quando l'acquisizione della o delle copie suppletive favorisce effettive esigenze di servizio o di conservazione della biblioteca;
- i documenti ricevuti in dono possono essere soggetti a scarto quando non rispondono più a esigenze di circolazione o di conservazione;
- i doni possono essere respinti o destinati ad altre raccolte.